Da qualche anno, qui in Italia, si usa come se fosse una sorta di inno recitare il prologo del film V for Vendetta (per altro bellissimo film) postando immagini della maschera di  Guy Fawkes perchè fa molto rivoluzionario… che però fallì nel suo intento ( ma a nessuno sembra importare.)

Cosi la notte tra il 4 e il 5 novembre, tutti postano le parole del prologo, e anche io ho voluto, in questi tempi di crisi fare la mia parte:

Ricorda per sempre il 5 novembre, il giorno della congiura delle polveri contro il parlamento. Non vedo perché di questo complotto, nel tempo il ricordo andrebbe inter… mavaffanculo.

Ricorda per sempre il 27 del mese, il giorno del santo pagatore congiura contro il parlamento. Non vedo perché di questo complotto, nel tempo il ricordo andrebbe interrotto. Ma il santo? So che il suo nome era Santo Pagatore, conosciuto anche come San Paganino e che da sempre allietava il nostro sorriso. Ma chi era realmente? Che tipo d’uomo era? Ci insegnano a ricordare il mito e non la storia, perché la storia può fallire. Può essere distorta, mutata. Ma dopo tutti questi anni ancora una volta un’idea può cambiare il mondo. Io sono testimone diretto della forza di questo mito, ho visto gente uccidere per conto e per nome di questo mito, li ho visti morire per difenderlo… Ma non si può baciare una cosa che non esiste, non puoi toccarla né abbracciarla; i miti non sanguinano, non provano dolore… non amano. Non è di mito che sento la mancanza ma di una certezza, la certezza che mi ha riportato alla mente il 27 di ogni mese: un mito che non dimenticherò mai.

Annunci