Tag

Il liutaio, dopo un’attenta valutazione, ha sentenziato che la mia chitarra acustica elettrificata non può essere aggiustata.
Sigh e con molto dispiacere vorrà dire che verrà appesa e amen.

– Aho, ma che ce fai con tre chitarre?
– (volevo rispondergli che le usavo per un torneo a tre di squash, ma ho preferito soprassedere) Quella blu, il liutaio ha detto che non ci si può far nulla, quella nera, anche se l’ho riparata ha un problema di meccanica e la classica ci sto studiando sopra.

Lui la prende, la controlla, la studia, ci suonicchia (non accorgendosi che la terza corda, Sol – G, non è accordata) e se esce con la frase storica:

– Di al tuo amico, che il liutaio non c’ha capito nulla.
– Ti intendi di liuteria?
– No, ma mio cognato suona la chitarra molto bene.

Quindi seguendo il discorso, conoscendo un bravissimo pianofortista, dovrei riuscire a suonare il Volo del Calabrone nella versione di Sergei Rachmaninoff, solo annusando il piano… ma vaff.

– Anche io, avevo una chitarra che aveva questo problema, per mesi l’ho lasciata fuori, e ogni tanto la stringevo con in morsetti.

Ok, quindi mi stai dicendo che hai addrizzato la tastiera della chitarra, ma come hai provato ad imbracciarla ti si è sgretolata come le pergamene del Mar Morto?

Preferisco appenderla, grazie!!!

Annunci